Peta: shoccante campagna pubblicitaria

Peta Asia (l’organizzazione no profit a sostegno dei diritti degli animali con sedi in tutto il mondo) e Ogilvy & Mather Bangkok (importante agenzia di marketing e advertising) si sono unite per realizzare una campagna decisamente shoccante per stimolare una riflessione sulle atroci sofferenze subite dagli animali utilizzati per confezionare pelletteria di lusso.
È stato aperto un temporary shop in uno dei più frequentati centri commerciali di Bangkok dove all’interno sono stati esposti oggetti di lusso in pelle.
Scarpe, portafogli, giacche, borse e cinture sono stati messi alla portata dei potenziali clienti che potevano esaminare direttamente la qualità del prodotto.
La sorpresa stava all’interno, dove erano state inserite imitazioni piuttosto realistiche di sangue e carne animale e in una particolare borsa un cuore (finto) che batteva.
La reazione dei clienti è stata immediata come si può vedere dal video allegato.

Poche persone sono infatti REALMENTE CONSAPEVOLI dell’estrema crudeltà cui vengono sottoposti gli animali per essere trasformati in prodotti rivenduti a caro prezzo.
Ad esempio in Thailandia i COCCODRILLI sono allevati in condizioni aberranti. Vengono stipati in carri putridi prima di essere sottoposti alla più CRUDELE DELLE MACELLAZIONI.
Molti non sanno che i coccodrilli vengono colpiti con pesanti martelli per frantumare loro la spina dorsale e paralizzarli, operazione che precede la scuoiatura ad animale agonizzante.
Considerate che per una borsa di coccodrillo è necessario l’abbattimento di 4 esemplari.
Il sangue, ritenuto portentoso dalla medicina tradizionale, viene estratto dall’animale mentre è ancora vivo e le carni rivendute al mercato alimentare.
La Thailandia, dai dati che emergono dal sito della Peta, possiede il più vasto allevamento di coccodrilli destinati a macellazione con 700.000 esemplari abbattuti ogni anno.
I SERPENTI non se la passano meglio.
Ogni anno 440.000 PITONI vengono catturati nelle giungle del sud est asiatico.
Vengono appesi e decapitati dopo aver loro inserito un tubo in bocca attraverso il quale viene pompata acqua per consentire alla pelle di distendersi e renderla quindi più facilmente scuoiabile.
Una fine tremenda per animali straordinari.
Le pelli vengono poi spedite alle concerie per i dovuti trattamenti e quindi esportate a case di moda per essere confezionate in prodotti di lusso.
Peta è stata fondata nel 1980 da Ingrid Newkirk e Alex Pacheco su ispirazione del libro “Liberazione animale” di Peter Singer.
Principali obiettivi di Peta sono combattere l’allevamento intensivo, la vivisezione, l’allevamento di animali da pelliccia e l’uso di animali nel business del divertimento.

Precedente India: la fabbrica dell'allungamento degli arti Successivo Giovane ragazza si suicida in diretta su Periscope