Perchè le zanzare ci scelgono

Costantemente circondati da sciami di zanzare?
Il microbioma potrebbe essere la CAUSA, ovvero la colonia di batteri che vivono sull’individuo.
Si pensava che le zanzare prediligessero alcuni DNA più di altri, spiegando così perchè vi sono persone continuamente morsicate vicino ad altre totalmente o quasi ignorate da attacchi famelici.
Un gruppo di ricerca di Londra attraverso un curioso esperimento ha recentemente studiato il ruolo genetico nell’attrazione provata dalle zanzare rilasciandone 20 in un tubo la cui uscita era a forma di Y in modo che gli insetti scegliessero se dirigersi a destra, dove si trovavano 18 coppie di gemelli identici, o a sinistra dove ad aspettarle vi erano 19 coppie di fratelli.
Gli scienziati hanno scoperto che le coppie di gemelli identici avevano ottenuto il 67% di morsi in più rispetto alle coppie di fratelli.
Ma cosa, del DNA, aveva attratto in particolare modo le zanzare?
Ogni specifico DNA attrae a sua volta specie uniche di microbatteri che vivono sul nostro corpo e rendono il nostro odore irresistibile.
Ogni individuo è ricoperto da circa 100 trilioni di microbi con un rapporto con il nostro DNA in termini numerici di 12:50.
Gli scienziati ritengono che il microbioma, ovvero la colonia di batteri che vivono sull’individuo, renda quest’ultimo UNICO, un po’ come accade per le impronte digitali.
Il che significa che ognuno di noi possiede uno specifico microbioma che, abbinato al DNA, è in grado di attrarre specifiche zanzare o addirittura nessuna.
Il microbioma umano è ritenuto responsabile della maggior parte degli odori emessi da ogni singolo individuo.
L’Aedes gambiae (zanzara nota per la diffusione della malaria) preferisce mordere mani e piedi dove l’odore sarà sicuramente diverso da ascelle e inguine, zone preferite dalla Aedes aegypti, la zanzara vettore del virus Zika.
Ma se siamo tra quei soggetti con odore particolarmente gradito alle zanzare, che fare?
Esistono alcuni consigli per rendere il microbioma meno appetibile, tra i quali ad esempio utilizzare un repellente a base di olio di eucalipto e limone oppure evitare di bere birra, che altera l’odore della pelle rendendola particolarmente attrattiva per gli insetti.
Sudare e quindi emettere anidride carbonica e calore, è un’altra situazione da evitare per garantire un po’ di tregua dai morsi.

Infine un ultimo consiglio: non pensate che lavandovi più frequentemente vi renda immuni ai morsi! Il DNA e il microbioma non puzzano, emettono solo un odore per il quale le zanzare sono molto sensibili e non ha nulla a che vedere con la pulizia!

Precedente Norovirus: quando una crociera di trasforma in incubo Successivo Rara malattia umana riscontrata nei cani