Il risveglio ENERGETICO: KUNDALINI

Kundalini è una parola sanscrita che significa “energia circolare”.
Descritta come un serpente attorcigliato alla base del nostro osso sacro, Kundalini è un’energia potentissima che è fondamentale per l’evoluzione individuale e che possediamo dal momento in cui veniamo al mondo.
Kundalini va oltre le religioni e le culture tanto che persone di ogni ambiente, grado di elevazione, etnia, la cercano e la sperimentano e benché sia stata definita come la moda esoterica del momento, in realtà appartiene ad una scienza antichissima.
Far scattare l’interruttore, dare il via al suo rilascio lungo i chakra situati a vari livelli seguendo la colonna vertebrale fino a fuoriuscire sulla sommità del capo, è un processo che richiede preparazione e impegno, sempre che non apparteniate alla categoria di persone il cui risveglio di Kundalini avviene inaspettatamente e involontariamente causando le cosiddette malattie inspiegabili.
Coloro che hanno infatti sperimentato la liberazione di Kundalini involontariamente sono stati considerati malati di mente o psichicamente labili, non sapendo infatti che il rilascio improvviso di una tale energia può provocare sensazioni di smarrimento, confusione, paura, sdoppiamento della personalità, disorientamento.

Le cause della liberazione involontaria di Kundalini sono le più disparate, dal trauma fisico violento al protrarre preliminari sessuali a oltranza senza raggiungere l’orgasmo.
Se invece accompagnati da esperti maestri in grado di guidarvi in questa fantastica esperienza, potrete conseguire poteri straordinari dati una profonda consapevolezza spirituale.
Nulla a che fare con il paranormale o il divino: l’uomo utilizza infatti una minima parte dei poteri che ha a disposizione per sua natura.
Il processo di “srotolamento” del serpente dormiente lungo la nostra colonna vertebrale può trovare dei blocchi energetici dovuti a paure, problemi emotivi irrisolti, episodi traumatici vissuti, blocchi che vanno affrontati e risolti per liberare il canale di scorrimento.
L’onda di energia che risale è impercettibile, salvo una sensazione di calore all’altezza dell’osso sacro ma, per i più sensibili e predisposti, può rivelarsi come una piacevole sensazione di movimento interiore appagante.
I risultati della liberazione? Un benessere che si protrae per molti giorni e settimane, una sensazione di beatitudine e consapevolezza mai provate prima.
Una sola raccomandazione: il processo di risveglio di Kundalini è irreversibile.
Possono volerci 25 anni per raggiungere l’ultimo chakra al di fuori della sommità del corpo, l’illuminazione, il congiungimento con l’energia cosmica, oppure ci si può fermare molto prima ma con indiscutibili benefici.
Tornare indietro, una volta scattato l’interruttore, è impossibile.

Precedente Alla scoperta della RADICE DI MACA Successivo Sconcertante:non l'ho potuto salvare