Ibogaina e Ayahuasca: dalle piante degli SCIAMANI il rimedio contro dipendenze e depressione

Ibogaina è una sostanza naturale psicoattiva alcaloide che viene estratta dall’IBOGA, un arbusto dell’Africa Occidentale.
La corteccia della radice di questo arbusto è tipicamente masticata o utilizzata come un tè e funziona, a piccole dosi, come un delicato stimolante.
Con l’effetto della proteina che blocca i recettori del cervello, l’ibogaina si è rivelata in grado di RIDURRE O ELIMINARE I SINTOMI TIPICI DELL’ASTINENZA.
Utilizzata nelle cerimonie di guarigione spirituale dalla religione Bwuiti in Africa Occidentale, l’ibogaina ha mostrato RISULTATI SORPRENDENTI nella riduzione dell’abuso di sostanze, migliorando i sintomi di astinenza.
In Europa e negli Stati Uniti l’ibogaina è classificata come Droga in Tabella 1, quella cioè delle sostanze controllate, ma è stata dichiarata ILLEGALE in Svezia, Danimarca, Belgio, Svizzera mentre non in Italia dove è LEGALE.
Gli scienziati stanno portando avanti una ricerca per studiare gli effetti derivanti dall’uso dell’ibogaina per il benessere mentale e per il trattamento delle tossicodipendenze.

Il suo utilizzo attualmente è stato adottato da 12 paesi dove esistono CLINICHE SPECIALIZZATE, ovvero Canada, Messico, Caraibi, Costa Rica, Repubblica Ceca, Francia, Slovenia, Paesi Bassi, Brasile, Sud Africa, Regno Unito e Nuova Zelanda e viene applicata per trattare dipendenze da eroina, alcol, cocaina, crack, metanfetamina e più recentemente NICOTINA.
L’AYAHUASCA è invece un tè psicoattivo ottenuto mescolando le parti di due piante: una vite chiamata BANISTERIOPSIS CAAPI che contiene inibitori della monoamino-ossidasi, e una pianta chiamata PSYCHOTRIA VIRIDIS che contiene dimetiltriptamina.
Questa bevanda viene utilizzata dai popoli dell’Amazzonia e delle Ande e viene preparata dagli SCIAMANI durante i riti di visione e comunicazione con entità divine, grazie al suo potere allucinogeno.
A causa del suo alto potere allucinogeno l’ayahuasca è stata dichiarata illegale negli Stati Uniti ma legale nel Sud e Centro America dove viene impiegata per liberare dalla depressione i soggetti che ne soffrono.
La scienza occidentale, molto interessata a questi rimedi naturali, si sta concentrando sull’individuazione dei benefici delle 2 sostante e con dati scientifici sta convalidando il loro utilizzo per i DISTURBI FISICI E MENTALI.
Con terapie equilibrate, si può ottenere una GUARIGIONE EFFICACE E DURATURA.
In ITALIA la Psychotria viridis è inserita nell’elenco delle sostanze stupefacenti e psicotrope ma la bevanda ayahuasca, di cui la Psychotria è un ingrediente, è stata classificata come sostanza non narcotica e il suo possesso è giudicato lecito.
In Spagna l’uso è LEGALE mentre in Francia è severamente vietato.
La continua attenzione alle medicine alternative è un modo naturale di perseguire le guarigione fisica, mentale ed emotiva basandosi su tradizioni millenarie che abbracciano culture di tutto il mondo.
Un raro caso in cui il concetto di GLOBALIZZAZIONE ha un’accezione positiva.

I commenti sono chiusi.