I cibi essenziali contro l’INFIAMMAZIONE CRONICA

Un recente studio della Liverpool University ha identificato gli alimenti ideali per prevenire e combattere l’infiammazione cronica, una patologia che si verifica naturalmente nel corpo e che a lungo andare può innescare malattie gravi come il cancro, il diabete, malattie cardiache e morbo di Alzheimer.
L’infiammazione cronica è un processo infatti di lunga durata che debilita profondamente l’organismo e può condurre anche alla morte.
Le diete RICCHE DI FRUTTA E VERDURA che contengono POLIFENOLI aiutano in particolare a proteggere l’organismo da infiammazione cronica legata all’età e a malattie specifiche.
I polifenoli sono micronutrienti il cui ruolo nella prevenzione di malattie degenerative come il cancro o le malattie cardiovascolari è stato scientificamente riconosciuto ma i cui effetti sull’organismo dipendono dalla loro quantità negli alimenti consumati.
Lo studio condotto da Sian Richardson e Chris Ford ha esaminato le diverse biodisponibilità dei polifenoli negli alimenti e ha rilevato che CIPOLLE, CURCUMA, UVA ROSSA, TÉ VERDE E BACCHE DI ACAI possono ridurre il rischio di incorrere in infiammazione cronica più di altri alimenti.

In particolare dalle BACCHE DI ACAI, piccoli frutti di colore blu che arrivano dal Sud America, è possibile ottenere un ESTRATTO molto efficace nel combattere i germi e i radicali liberi dell’organismo.
Ulteriori suggerimenti riguardano il CONSUMO DI CEREALI INTEGRALI E NON RAFFINATI , come ad esempio il pane di segale, che, grazie alla elevata presenza di fibre, riducono i livelli della proteina C reattiva, un marker di infiammazione del sangue.
Gli altri alimenti ricchi di polifenoli utili da integrare nella dieta sono: sambuco, ribes, mirtillo, carciofi, fragole, more, prugne, lamponi, mele, nocciole, spinaci, fagioli, broccoli, latte di soia, semi di lino, olive nere, noci, castagne, radicchio, zucca, arachidi, olio extravergine di oliva e pomodori.
Una varietà di alimenti indiscutibilmente salutari per l’organismo e che dovrebbero fare parte della nostra dieta abituale.

I commenti sono chiusi.