72enne si salva dai coccodrilli con chiavi inglesi e candele del motore

Scampa a morte certa combattendo contro i coccodrilli con chiavi inglesi e candele del motore della barca.
La storia dell’arzillo 72enne che ha lottato con mezzi di fortuna contro gli attacchi famelici di alcuni coccodrilli ne ha dell’incredibile.
L’uomo era in vacanza nei pressi di Darwin, sulla costa nord dell’Australia, insieme ad un amico, pensionato come lui.
Avevano deciso di affittare una barca per andare a pesca con le nasse, particolari attrezzi costituiti da gabbie metalliche dove all’interno viene posta un’esca per attirare i pesci.
I due pensionati erano appoggiati sul bordo della piccola barca quando un coccodrillo ha urtato violentemente un lato dell’imbarcazione, capovolgendola. Ma non era un semplice coccodrillo.
I coccodrilli di quella zona sono i porosus (Crocodylus porosus), la specie più grande vivente in natura e la più aggressiva, in grado di mangiare bufali, scimmie, cinghiali e uomini.

Nel 1945 sull’isola Ramree in Birmania, verso la fine della seconda guerra mondiale, una truppa di giapponesi si addentrò nelle zone paludose per sfuggire agli inglesi, ignorando completamente la presenza di una delle colonie più popolose di porosus al mondo.
Di 1000 uomini solo una ventina sopravvissero agli attacchi dei coccodrilli e l’episodio rimane come il peggior attacco subito dell’essere umano da animali selvatici.
I due pensionati si trovarono quindi immersi in compagnia di un rettile dalla fama poco amichevole; cercando di risalire sulla barca capovolta, uno dei due annegò, lasciando l’altro in balìa degli attacchi.
Ma il 72enne, a dispetto dell’età e dello shock, non si perse d’animo, afferrò una chiave inglese e alcune candele dal motore della barca e cominciò a colpire furiosamente i diversi coccodrilli che nel frattempo si erano radunati in vista di un probabile pasto.
Il gesto probabilmente spiazzò i rettili e il pensionato raggiunse un riparo tra le mangrovie dove aspettò esausto per ore i soccorsi allertati dal proprietario delle barche a noleggio, preoccupato del mancato rientro dei due uomini.
Quanti fossero i coccodrilli l’uomo non fu in grado di comunicarlo, così come suscitò parecchie perplessità il suo piano di difesa ma i resti dell’amico ritrovati successivamente lasciarono presupporre che fossero presenti almeno due esemplari.
Quando si dice una vacanza all’insegna dell’avventura…

I commenti sono chiusi.